Vieste 5 Stelle

luci sulla città

Login Form

Vieste sia compatta per l'autonomia degli istituti superiori

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleGoogle

La mannaia del ridimensionamento delle istituzioni scolastiche pugliesi ha colpito anche Vieste con l’annessione del Liceo Scientifico e degli Istituti Tecnici (Commerciale e Turistico) all’Istituto Alberghiero. L’accorpamento è quanto di peggio ci possa essere per una scuola, secondo solo alla chiusura. Unire due o più istituti vuol dire cancellarne la storia e pregiudicarne il futuro, il tutto a scapito dell’offerta formativa e, quindi, della preparazione degli alunni.

L’accorpamento del “Fazzini-Giuliani” al “Mattei” avrà come immediata conseguenza l’unificazione degli uffici di segreteria che comporterà la perdita di posti di lavoro, cosa sempre inaccettabile, ma ancor più in questo periodo storico così difficile. Un unico Istituto porterà alla riduzione dei finanziamenti di provenienza statale con la conseguente diminuzione delle attività extracurriculari volte al recupero delle insufficienze e alla valorizzazione delle eccellenze.

A liquidare la questione ci pensa un breve trafiletto in una tabella, che testualmente cita: “Tenuto conto che, a seguito dello scorporo della sede associata di Peschici (v. l’Allegato relativo al piano di dimensionamento del 1° ciclo della Provincia di Foggia), l’IISS “Fazzini-Giuliani” presenta una popolazione scolastica di 413 alunni, se ne dispone l’accorpamento con l’IPSSAR “Mattei” di Vieste (624 alunni), in modo da assicurare un’adeguata stabilità nel tempo all’offerta formativa del 2° ciclo di istruzione nell’ambito del Comune di Vieste”. Si resta stupiti nello scoprire che a Bari c’è chi ritiene a rischio la stabilità nel tempo dell’offerta formativa degli istituti superiori viestani, se si considera che i dati storici vedono suddividere all’incirca a metà tra “Fazzini-Giuliani” e “Mattei” le iscrizioni degli alunni che terminano le scuole medie. Inoltre, in tempi non sospetti, il “Fazzini-Giuliani” aveva deciso di riaprire le iscrizioni per il corso serale a seguito delle numerose richieste pervenute da molti cittadini viestani e dei paesi limitrofi. La costituzione di un’altra classe porterà ad incrementare il numero degli alunni attuali e futuri, a discapito ancora una volta dell’ipotesi catastrofista proveniente da Bari. D’altro canto, come può l’accorpamento garantire la stabilità dell’offerta formativa viestana vista la netta differenza tra le scuole?

L’annessione all’Istituto Comprensivo “Libetta” di Peschici delle succursali del Liceo Scientifico e dell’ITT ha ridotto a 413 gli studenti frequentanti la sede centrale viestana (come indicato nel provvedimento regionale sopra citato), cifra che supera il numero minimo di 400 previsto dalla legge n. 111/2011 per le Istituzioni Scolastiche presenti nei paesi montani, così come viene classificata Vieste (e l'esenzione dal pagamento dell'IMU sui terreni agricoli ne è una tangibile conferma). Quindi gli Istituti Secondari Superiori di Vieste non solo meritano l’autonomia, ma ne hanno pieno diritto e devono ottenerla!

Gli attivisti viestani del Movimento 5 Stelle concordano con la delibera emessa dalla Giunta Comunale e chiedono ai partiti di schierarsi al fianco di questa iniziativa, con l’intento unico di salvaguardare la continuità dell’istruzione scolastica che vede nel Liceo Scientifico, negli Istituti Tecnici e nell’Istituto Alberghiero dei fiori all’occhiello, e che tali potranno rimanere solo se continueranno a svolgere il proprio lavoro autonomamente.

www.vieste5stelle.it