Vieste 5 Stelle

luci sulla città

Login Form

La viabilità a Vieste tra segnali veri, finti e imbustati

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleGoogle


Una importante variazione al piano traffico viestano sarà attivata nei prossimi giorni, e riguarderà la parte finale di via Giovanni XXIII e tutte le strade nelle vicinanze. Almeno questo è quanto cittadini e turisti hanno intuito notando l'apposizione della cartellonistica stradale coperta da bustoni neri, normalmente usati per buttare l'immondizia.

Premesso che non siamo in grado di giudicare quanto sta per essere attuato proprio perché molti cartelli sono ancora coperti, ci facciamo carico di riportare le lagnanze ricevute per il modo e la tempistica con cui questa variazione sta per essere attuata. 

20140801 segnali stradali 2Si resta esterrefatti nel constatare che la segnaletica verticale è stata installata già da un paio di settimane lasciando le precarie coperture alla mercé delle anguste condizioni meteorologiche e delle mani degli imbecilli di turno, che in molti casi e da diversi giorni le hanno strappate rendendo apparentemente operativi divieti e obblighi che tali non sono ancora.

Nei giorni scorsi, un incidente stradale è stato causato dal segnale che indica che si può solo andare avanti o svoltare a destra, rimasto orfano di busta all'altezza dell'incrocio tra via Verga e via Giovanni XXIII, in direzione campo sportivo: un automobilista che percorreva quel tratto di strada, giunto allo stop girava a sinistra ma si accorgeva troppo tardi del nuovo segnale (senza sapere che non è ancora in funzione); per porre rimedio all'errore, decideva di inserire la retromarcia per tornare repentinamente sui propri passi andando a sbattere contro l'auto che giungeva alle sue spalle. Il tutto tra lo sdegno dei viestani che hanno assistito al fatto, consci che a causarlo è stata l'ennesima leggerezza dell'amministrazione comunale. E quali spiegazioni avrebbero dovuto dare gli agenti della locale Polizia Municipale qualora fossero stati chiamati per effettuare i rilievi del caso?

Noi attivisti viestani del Movimento 5 Stelle, ascoltati i cittadini (perché noi li ascoltiamo), porgiamo al Sindaco e all'assessore al traffico e alla viabilità Pasquale Parisi le seguenti domande: Che senso ha tenere cartelli stradali coperti per almeno quindici giorni? Come e quando pensate di informare la cittadinanza di quanto sta per avvenire? E soprattutto, nell'era del Tom Tom e dei navigatori satellitari sugli smartphone, è opportuno fare modifiche al piano traffico in piena estate mandando in confusione cittadini e turisti? Sarebbe più logico mettere in pratica queste variazioni al termine della stagione turistica così da avere a disposizione il tempo necessario per comunicare le novità ai principali gestori di sistemi di navigazione GPS.

Nel frattempo, per evitare ulteriori incidenti e inutili ingorghi, sarebbe opportuno rimuovere tutti i cartelli installati non si sa ancora perché.

L'implementazione di una variazione così importante del piano traffico in una zona nevralgica della città (nel punto di snodo tra litoranea nord e sud), pensata, allestita e non ancora attuata, a meno di un mese dall'emanazione dell'ordinanza sindacale (documento ideale per annunciarla e renderla operativa) dimostra quanto questa amministrazione stia camminando senza un percorso chiaro e definito.

E se fossero proprio sindaco, assessori e consiglieri i primi ad aver bisogno del Tom Tom? L'indicazione della destinazione dove mandarli la lasciamo alla volontà dei cittadini viestani.

www.vieste5stelle.it